Pranzo di Natale con il Cicap Lazio

Domenica 16 Dicembre abbiamo il piacere di invitarvi al Pranzo di Natale organizzato dal Cicap Lazio per i propri soci e familiari. https://goo.gl/forms/lDYX0izmH2GtCvih2

arci.jpg

L’evento si terrà presso l’Agriturismo Borghetto D’Arci, Via dell’Arci km.4 Passo Corese (RM), a pochi chilometri dall’uscita Fiano Romano dell’autostrada A1.

(ca 40 minuti in auto dal centro di Roma, maggiori info qui: http://www.borghettodarci.it/)

Il costo del pranzo è di 30 euro, a persona, per gli adulti e di 20 euro per i bambini.

I posti sono limitati quindi vi invitiamo a prenotare il prima possibile, in ogni caso ENTRO E NON OLTRE IL 7 DICEMBRE, compilando il seguente modulo:

https://goo.gl/forms/lDYX0izmH2GtCvih2

(per favore effettuate una prenotazione per ogni persona)

Di seguito i dettagli del menù:

Menù Adulti  €30

·         Antipasto della casa composto da  8 portate

·         2 Primi (uno  Bianco e uno  Rosso  di cui uno di carne e uno vegetale)

·         Secondo

·         2 Contorni

·         Dolce

·         Acqua Vino Caffè

Menù Bambini (3-8 anni) €20 (in sala ludica incluso servizio Animazione)

·        Pasta

·         Cotoletta con Patatine

·         Bevande

·         Dolce come adulti

In caso di intolleranze alimentari o allergie varie, avvertiteci per tempo, possibilmente scrivendolo nel campo Note del modulo.
Cosa state aspettando?! Andate subito a prenotarvi! 😉

A presto!

Annunci

Radioattività razionale

di Rodolfo Baroni

Quando la scienza chiama il pubblico risponde…

Domenica 18 novembre si è svolta una partecipatissima Razionale Alcoolica, organizzata dal Cicap Lazio presso il ludo-pub Victorian Monkey, dal titolo “ La Radioattività di tutti i giorni, dal Radon a Fukushima”.  

Il relatore Marco Casolino, fisico (INFN, Dipartimento di Fisica, Università di Roma Tor Vergata, Riken – Giappone) ci ha raccontato di radioattività a 360° e del perché non c’è modo di evitarla completamente, visto che siamo circondati da essa considerato che proviene dallo spazio, dalle viscere della terra, dai nostri cari e persino dai noi stessi. Ci ha spiegato che radioattivo non vuol dire pericoloso, almeno entro certi limiti e il pubblico ha potuto anche interagire attivamente rilevando personalmente, con dei contatori geiger, la radioattività di alcuni oggetti come: palline e bottoni di uranio, torio proveniente dalle lampade a gas per campeggio, obiettivo radioattivo per la presenza di torio nella lente interna e sacchetti di terra di Fukushima.

La serata tra un sorso di birra, tanta razionalità, domande e interventi dal pubblico è letteralmente volata, oltre che per l’argomento sempre attuale e particolarmente sentito anche per la bravura di Casolino nell’esporre con chiarezza e semplicità gli argomenti, il più delle volte sconosciuti, interpretati male e spesso fatti passare per quel che non sono. Inoltre la Razionale Alcoolica è stata resa ancora più interessante dalla presenza tra il pubblico di Pietro Bove che lavora nel campo della gestione dei rifiuti radioattivi e nella bonifica di siti nucleari e industriali in un centro proprio qui nel Lazio, che ha aiutato a rispondere ad alcuni quesiti su modalità e sicurezza dello stoccaggio. In ultimo segnaliamo la gradita la presenza di giovanissimi alla serata, intervenuti facendo domande molto pertinenti e che denotavano una discreta conoscenza dell’argomento.

Agricoltura oggi tra mito e scienza

di Guerrino Filippini

Sabato 10 novembre, presso la Sala della Cultura di Poggio Mirteto, Massimo Ponzo, perito agrario e vicecoordinatore del Gruppo Lazio del CICAP, e Massimo Griscioli, Dottore in Scienze Biologiche, hanno tenuto l’interessante conferenza “Sull’ Agricoltura oggi Tra Mito e Scienza”, davanti a un pubblico attentissimo.

Dopo i ringraziamenti del sindaco e una breve introduzione del Presidente degli “Amici del Museo Ettore Nardi”, associazione che ha patrocinato la manifestazione, i relatori hanno intrattenuto i presenti iniziando dall’analisi dell’evoluzione dell’agricoltura attraverso le varie fasi storiche, che hanno trasformato l’uomo da cacciatore raccoglitore ad agricoltore. Massimo Griscioli ha approfondito il tema parlando delle origini dell’agricoltura e delle difficoltà che i nostri antichi progenitori hanno dovuto superare per ottenere dei buoni raccolti. Ha poi spiegato le tecniche utilizzate nell’0 antichità per determinare quando seminare e quando raccogliere e quindi anche la nascita di riti religiosi nei confronti di alcune divinità, come il Sole e la Luna, per propiziare l’abbondanza del futuro raccolto. Fin dalle origini, quindi, l’agricoltura si è accompagnata alla magia, alla religione e alla superstizione.

Massimo Ponzo ha continuato ad approfondire il tema parlando delle modificazioni che sono avvenute nel tempo per migliorare la qualità e la resistenza del prodotto, attraverso modifiche strutturali avvenute durante tutto il percorso evolutivo. I due relatori hanno affrontato anche, sfatandole, le varie “credenze” circa gli influssi lunari sull’agricoltura e tutti quei falsi rimedi nati da comportamenti ortodossi derivanti da una cattiva informazione, se non vera disinformazione. Infine sono passati ad analizzare come creare un ambiente equilibrato attraverso vari sistemi di cultura e di contrasto ai parassiti dei vari cultivar. Particolare interesse ha suscitato l’argomento degli OGM e delle false credenze che si sono manifestate contro questa tipologia di modifica dei prodotti agricoli, così come la mancanza o la dubbia efficacia della “biodinamica”. L’ampiezza degli argomenti trattati non ha purtroppo consentito una più approfondita trattazione di altri argomenti correlati. Infatti alla fine il pubblico ha intrattenuto i relatori con numerose domande su questi temi. Speriamo sia possibile prossimamente riproporre una specifica conferenza per approfondire anche gli argomenti trattati solo marginalmente.