Il nuovo cerchio di Francesco Grassi

di Graziella Morace

Nella notte tra il 16 e il 17 giugno ho potuto finalmente concretizzare un mio sogno:  realizzare un cerchio nel grano insieme a Francesco Grassi. Francesco è un ingegnere elettronico che da molti anni realizza cerchi nel grano e questa volta ha voluto creare un’opera di “Land Art” molto complessa, che ha cominciato a progettare nello scorso ottobre.

Il cerchio nel grano che abbiamo disegnato nei campi della Cascina Geronima di Virle Piemonte ha poco più di 100 metri di diametro e presenta al centro un fiore a sei petali su cui si innestano altre sei figure che sembrano essere dei cubi di Rubik con effetto chiaroscuro. Per crearlo abbiamo lavorato in 24, alcuni più esperti che facevano parte del team di Francesco Grassi già da tempo e che insieme a lui hanno eseguito il lavoro più complesso, tracciando lo schema nel grano con l’aiuto di strumenti non proprio tecnologici, come metri riavvolgibili, paletti segnalatori e tavole di legno. Queste ultime in particolare sono stati gli strumenti  che ho usato di più; infatti, insieme agli altri come me alle prime armi, ho appiattito il grano nei settori precedentemente delimitati nel campo dagli esperti.

È stata necessaria una notte intera per finirlo, ma il risultato è stato veramente eccezionale.

Come altre volte il cerchio ha suscitato molta curiosità. Il primo a notarlo è stato il direttore della scuola volo Icarus che si trova vicino alla cascina, che ha diffuso una prima foto aerea, e poi sono seguite altre foto e riprese dall’alto (sul sito  https://www.facebook.com/francesco.grassi66), che hanno contribuito a rivelarne la bellezza.

Oltre all’aspetto estetico, il disegno nasconde un enigma da decifrare e che potrà essere risolto seguendo gli indizi forniti da Francesco sul suo sito.

Articolo di Graziella Morace
Annunci